Aggiornato alle 17:38 del 22 maggio 2018

Petrolifera Italiana, arrestati i vertici

Le Fiamme Gialle: “Autoriciclaggio, false fatturazioni, dichiarazione fraudolenta e 35 mln di Iva evasa”. Le indagini partite dall’acquisizione della Depositi Costieri Trieste

La Guardia di Finanza di Trieste ha eseguito ieri tre misure di custodia cautelare nei confronti dei vertici di Petrolifera Italiana (la società che aveva rilevato la Depositi Costieri Trieste), emesse dal Gip del tribunale del capoluogo friulano. I reati, spiega una nota delle Fiamme Gialle, riguardano l’autoriciclaggio, fatture per operazioni inesistenti e bancarotta fraudolenta

 




 

CALENDARIO EVENTI



TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È VIETATA LA DIFFUSIONE E RIPRODUZIONE TOTALE O PARZIALE IN QUALUNQUE FORMATO.
www.quotidianoenergia.it