Aggiornato alle 18:09 del 6 dicembre 2019

L’INTERVENTO

Pniec, perché i 28 sono stati rimandati a dicembre

Divergenza tra l’ambizione di Bruxelles e quella di molti governi nazionali con "divide" geografico Est-Ovest. Pochissimi i Piani coerenti e comprensivi (nota di merito per l’Italia). Dimensione per dimensione, analisi dei documenti degli Stati membri Ue

di Nicolò Sartori*

La presentazione delle bozze dei Piani Nazionali Energia e Clima da parte dei 28 Stati membri dell’Unione europea, e la successiva valutazione da parte della Commissione, rappresentano idealmente il passaggio conclusivo di un ciclo istituzionale che ha visto nascere e consolidarsi l’Energy Union, e tutte le iniziative e normative in materia energetica e climatica che ad essa fanno capo

 



 

CALENDARIO EVENTI





TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È VIETATA LA DIFFUSIONE E RIPRODUZIONE TOTALE O PARZIALE IN QUALUNQUE FORMATO.
Privacy policy (GDPR)
www.quotidianoenergia.it