Aggiornato alle 18:08 del 21 maggio 2024

La guerra in Ucraina e l’arma spuntata del gas

Non può usarla l’Europa (che non può far a meno del combustibile russo per diversi anni) ma neanche Mosca. Meno critico il caso del greggio. A cura di Energy Advisors

Era facilmente prevedibile che se l’aggressione russa non si fosse risolta rapidamente, i prezzi delle commodity energetiche (e non solo) si sarebbero incendiati. Così è stato e ad infiammarsi sono state soprattutto le quotazioni del gas, arrivato a sfiorare i 400 €/MWh e che, pur ridimensionate, rimangono sopra i 200 €/MWh. Anche i greggi hanno avuto la loro impennata, ma pur portandosi sui 120 $/bl, sono rimasti all’interno di un range già sperimentato, che nel luglio 2008 aveva portato il Brent a 150 $/bl.




 

CALENDARIO EVENTI





TUTTI I DIRITTI RISERVATI. È VIETATA LA DIFFUSIONE E RIPRODUZIONE TOTALE O PARZIALE IN QUALUNQUE FORMATO.
Privacy policy (GDPR)
www.quotidianoenergia.it